A Torino Verdessenza promuove l’economia carceraria

Commercio equo e solidale – L’ecobottega Vedessenza in via San Pio V 20/f a Torino ha selezionato tra i prodotti solidali alcune eccellenze dell’economia carceraria, realizzate da detenuti e persone in semi-libertà

286

Verdessenza ecobottega in via San Pio V n. 20/f a Torino ha selezionato tra i prodotti solidali alcune eccellenze dell’economia carceraria, realizzate da detenuti e persone in semi-libertà. Come i Biscotti Liberi, i panettoni tradizionali e quelli ai tre cioccolati di Guido Castagna, prodotti dalla casa circondariale “Lorusso e Cutugno” di Torino, con lievito madre e ingredienti naturali. Oppure le birre artigianali “Vale la pena” prodotte da detenuti del carcere di Rebibbia, all’interno del progetto cofinanziato dal Ministero dell’Università e Ricerca e dal Ministero della Giustizia e realizzato da Semi di Libertà Onlus, per contrastare le recidive.

Dal cibo ai colorati manufatti delle detenute del progetto Made in carcere: sacche per pane (e panettoni) e presine da cucina create e cucite dalle donne delle carceri di Lecce e Trani con materiali di recupero e, infine, shopper griffate Verdessenza ecobottega, stampate dalla cooperativa Extraliberi nel carcere di Torino.

Per informazioni www.verdessenza.wordpress.com

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome

19 − due =