Conferenza Rettori a Udine, la Pastorale di Torino c’è

All’annuale incontro della Crui a Udine, invitato anche il direttore dell’Ufficio nazionale per l’educazione, la scuola e l’università della Cei Ernesto Diaco con i rappresentanti delle pastorali universitarie locali, per Torino don Peyron

525

Una tappa dopo l’altra, prosegue il cammino che vede significative convergenze tra il mondo dell’Università e quello della Chiesa italiana nel pieno rispetto dei ruoli. E anche Torino fa, attraverso la Pastorale Universitaria, la sua parte. Il 27 e 28 giugno a Udine, all’annuale incontro della Crui (la conferenza dei rettori) è stato infatti  invitato anche il direttore dell’Ufficio nazionale per l’educazione, la scuola e l’università della Cei, Ernesto Diaco, con rappresentanti delle pastorali universitarie locali: per Torino il direttore don Luca Peyron.

Alla conferenza che da Torino ha visto la partecipazione Lorenza Operti vicerettore alla didattica dell’Università e Juan Carlos De Martin delegato del rettore per la cultura e la comunicazione del Politecnico,  tra i temi affrontati la proposta di un piano digitale nazionale per l’università italiana.  «La finalità», spiega Alberto De Toni, segretario generale della Crui e rettore dell’Università di Udine è  creare le condizioni affinché gli studenti possano diventare, oltre che laureati, dei veri uomini, capaci di affrontare la vita e quindi non soltanto dotati di competenze di natura professionale e digitale, ma di competenze per la vita». Formazione e vita: elementi chiave su cui Università e mondo ecclesiale possono dunque mettersi in dialogo.

«È un elemento positivo», commenta don Peyron, «proprio questa convergenza che vede Università e Pastorale Universttaria mettere al centro i giovani e la loro educazione e formazione ed è su questo tracciato che si può proseguire e lavorare».

Concorde Diaco: «quella di oggi è una tappa ulteriore nel percorso di conoscenza e collaborazione che abbiamo avviato. L’accoglienza che abbiamo ricevuto è segno che l’incontro tra Chiesa e Università è possibile e atteso. Il prossimo passo di questo percorso  è la redazione di un manifesto comune sulle opportunità formative che possono vedere insieme il mondo accademico e la pastorale universitaria. La sfida digitale, di cui si è parlato nell’incontro di Udine, è proprio uno dei terreni su cui si può sviluppare un lavoro condiviso, soprattutto per le opportunità che offre in termini di inclusività, orientamento, centralità dello studente».

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome

10 + due =