Cottolengo Torino, inaugurata l’Rsa Santi Innocenti

Torino – Giovedì 19 dicembre la Piccola Casa della Divina Provvidenza ha inaugurato, dopo i lavori di ristrutturazione, la nuova R.S.A. Santi Innocenti (ingresso da via San Pietro in Vincoli 9) che accoglierà persone anziane e con disabilità non autosufficienti con 156 posti letto. Al taglio del nastro accanto ai Superiori del Cottolengo è intervenuto il Presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio. Alcuni ospiti hanno dato il benvenuto al governatore e hanno donato alcuni prodotti dei loro laboratori occupazionali. Foto Renzo Bussio

338

Giovedì 19 dicembre la Piccola Casa della Divina Provvidenza di Torino ha inaugurato, dopo i lavori di ristrutturazione, la nuova R.S.A. Santi Innocenti (ingresso da via San Pietro in Vincoli 9) che accoglierà persone anziane e con disabilità non autosufficienti con 156 posti letto.

Al taglio del nastro accanto al padre generale della Piccola Casa don Carmine Arice, alla madre generale delle suore Elda Pezzuto, al superiore dei fratelli Giuseppe Visconti e al direttore delle Case di Assistenza  Amedeo Prevete, è intervenuto il Presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio. Alcuni ospiti hanno dato il benvenuto al governatore e hanno donato alcuni prodotti dei loro laboratori occupazionali.

“Tagliare il nastro di una nuova R.S.A.”, ha detto padre Arice, “prima ancora che adempiere alle normative significa rispondere appieno alla dignità delle persone e alle loro esigenze. Ci auguriamo che lo sguardo di Dio nel guardare negli occhi le persone possa diventare anche il nostro sguardo di vita.”

Padre Arice ha poi auspicato che all’autorizzazione all’apertura della R.S.A. seguano l’accreditamento e le relative convenzioni con l’Asl.

“Il Cottolengo”, ha sottolineato il presidente Cirio, “è il luogo dove le persone vengono considerarte per quello che sono e, quindi, valorizzate. È certamente sempre un bel traguardo inaugurare servizi che mettono al centro la dignità delle persone. La Piccola Casa, oltre a fare del bene, rappresenta anche un valido sostegno all’economia della Regione”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome

cinque × uno =