Custodire l’umano nell’era digitale

Saggio – Don Luca Peyron, sacerdote della diocesi di Torino incaricato della Pastorale universitaria, ha pubblicato con Elledici il libro «Incarnazione digitale – Custodire l’umano nell’infosfera con la generosità». Una guida per restare umani nel tempo del dominio della tecnologia. E per usarne gli strumenti da cristiani

552

Luca Peyron, sacerdote della diocesi di Torino incaricato della Pastorale universitaria, ha pubblicato con Elledici il libro «Incarnazione digitale – Custodire l’umano nell’infosfera con la generosità». Una guida per restare umani nel tempo del dominio della tecnologia. E per usarne gli strumenti da cristiani.

Che cos’è l’infosfera? «Per infosfera si intende la globalità dello spazio dell’informazione, ossia il cosiddetto cyberspazio (Internet e tutte le informazioni digitali), i mezzi di comunicazione classici e le interazioni tra tutti questi media. La presenza della parola ‘sfera’ ci aiuta a comprenderne il senso, affiancandola a un termine analogo, biosfera, che è lo spazio in cui abita la vita. L’infosfera non è uno strumento, ma è l’ambiente popolato dalle informazioni, in cui vivono le informazioni e in cui anche noi viviamo».

Scrive nella prefazione monsignor Zani, segretario della Congregazione per l’Educazione Cattolica, che «nel suo libro, don Luca Peyron accompagna il lettore attraverso un percorso per acquistare consapevolezza dell’infosfera. Avventurarvisi non è facile: è una dimensione abituale ma profondamente rinnovata, amplificata dalla rivoluzione digitale». La riflessione che si sviluppa «da questa prima suggestione acquista pagina dopo pagina maggiore profondità, indagando l’uomo senza aggettivi, nella sua integralità».

Insomma, il punto non sono gli strumenti, ma chi li usa, cioè l’uomo. Il libro non intende insegnare come servirsi di Facebook o Instagram, o come prevenire e combattere il cyberbullismo, ma piuttosto fornire «consapevolezza culturale e spirituale», senza le quali l’uomo si consegna alla macchina, perdendo la sua umanità. La domanda è: quale mondo stiamo costruendo? La tecnologia s’impadronirà dei cuori e delle coscienze delle future generazioni più di quanto già oggi non faccia? Che spazio resterà per la spiritualità e per la stessa fede?

L’infosfera è un ambiente, non fisico, nel quale l’uomo è sempre più chiamato a vivere. Per non farsene travolgere, occorre abitarlo consapevolmente, attrezzandosi culturalmente; il credente ha un compito in più, quello di penetrarvi con l’occhio e il cuore di chi sa relativizzare tutto alla luce della fede. Spiega l’autore che è come stare su una barca in tempesta. Il cristiano sa che a bordo c’è anche Gesù, «il solo davvero capace di dire ai venti e alla tempesta di tacere, affinché ciascuno possa con serenità raggiungere l’altra riva».

Temi di strettissima e stringente attualità, nel mondo delle news, e troppo spesso delle fake news. Il libro è un prezioso manuale di sopravvivenza.

  • Luca Peyron, Incarnazione digitale, Elledici, pp. 160, euro 10

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome

undici + 10 =