Dal San Giuseppe a Londra passando per la «Voce»

Maturità 100 e lode –  Giacomo Fraccaroli, studente dello storico liceo torinese,  ha presentato all’esame di Stato una relazione sullo stage di giornalismo a «La Voce e il Tempo»

447

Giacomo Fraccaroli (nella foto) è uno degli studenti torinesi che hanno svolto durante l’anno scolastico 2018-19 uno stage presso la nostra redazione, nell’ambito dell’Alternanza scuola lavoro (Ptco). Ha frequentato il Liceo Scientifico del Collegio San Giuseppe di Torino, concludendo brillantemente il corso di studi superando l’esame di maturità con 100 e lode. Durante il colloquio d’esame ha presentato la sua esperienza, che pubblichiamo integralmente, presso La Voce e il Tempo. Giacomo, a cui giungono le felicitazioni del nostro Direttore e della redazione proseguirà i suoi studi presso l’University College di Londra, facoltà di Filosofia ed Economia. Buona strada!

Lo stage presso la redazione della Voce e il Tempo è stato il mio primo vero incontro con il mondo del lavoro; si è trattato di un’esperienza altamente formativa, capace di cambiare notevolmente la mia visione del mondo del giornalismo. Dove immaginavo scrivanie piene di fogli e colleghi in competizione, ho trovato moderni schermi digitali e una squadra estremamente cordiale. I giornalisti da serie televisiva con una risposta a tutto non esistono, sono invece persone reali, che ricercano i fatti per riportarli il più fedelmente possibile, sfruttando l’esperienza accumulata negli anni. Non è la catena di montaggio che credevo, qui ognuno segue e aiuta gli altri per un fine comune: realizzare al meglio il nuovo numero settimanale. La stretta collaborazione dei componenti della redazione permette infatti di creare, grazie a linee guida precise, un giornale strutturato e affidabile.

Tutti i metodi di lavoro che avevo appreso nel passato sono stati stravolti da questa realtà in costante corsa contro il tempo, capace di adattarsi ai continui avvenimenti per poterli riportare dando loro il giusto spazio all’interno del giornale. Ogni ora è pertanto una risorsa preziosa: può portare con sé notizie in grado di rimettere in discussione l’intera progettazione. Tra l’altro mi sono trovato, a causa delle imminenti scadenze, a recensire libri avendo a disposizione poco più di un rapido sguardo al testo e alla quarta di copertina.

Ho potuto toccare con mano, anche se per poco tempo, l’altra faccia del giornale, che nasce grazie all’impegno di molte persone. Non solo ciò che si acquista in edicola o si legge online, ma un prodotto da realizzare e vendere rendendolo attraente agli occhi di un potenziale cliente.

Nonostante la mia scarsa esperienza e capacità in quest’ambito, la redazione della Voce e il Tempo e il mio tutor personale, la dottoressa Marina Lomunno, si sono sempre dimostrati più che disponibili e pronti ad accogliere ogni mia osservazione o domanda. Lo stage mi ha permesso di diventare un cittadino più critico rispetto alla visione dei fatti riportata dalle testate giornalistiche, mostrandomi l’importanza di confrontare più fonti, come ho visto fare durante la rassegna stampa, per cogliere una narrazione degli eventi il meno possibile filtrata da idee altrui e sviluppando così una mia più motivata e consapevole opinione.

GIACOMO FRACCAROLI

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome

diciassette + tre =