Dall’Australia ecco “Lentil”, il ristorante dove ognuno paga ciò che può

Terra Madre – È arrivata anche a Torino, solo per due sere, il 21 e il 24 settembre, nell’ambito di Terra Madre, l’esperienza australiana dei ristoranti «Lentil as anything»: il progetto no profit fondato in Australia da Shanaka Fernando, emigrato a Sydney dallo Sri Lanka: oggi gestisce una rete di ristoranti solidali dove si offre un pasto senza il vincolo del denaro

344

Andare al ristorante e pagare con un’offerta libera. È arrivata anche a Torino, solo per due sere, il 21 e il 24 settembre, nell’ambito di Terra Madre, l’esperienza australiana dei ristoranti «Lentil as anything». Si tratta del progetto no profit fondato in Australia da Shanaka Fernando, emigrato a Sydney dallo Sri Lanka: oggi gestisce una rete di ristoranti solidali dove si offre un pasto sano, buono e nutriente senza il vincolo del denaro. Le risorse per permettere alle persone in difficoltà economica di condividere la tavola con gli altri commensali provengono da donazioni effettuate secondo il principio «paga ciò che puoi» e da servizio volontario. Il Comitato Lentil, in occasione dell’iniziativa torinese nell’ambito di Terra Madre, ha proposto di aprire anche a Torino il primo ristorante italiano dove, come negli omologhi locali australiani, si offra ad un pubblico diversificato socialmente cibo di qualità indipendentemente dalle possibilità economiche di ogni singolo frequentatore, perché «ognuno di noi», evidenzia Shanaka, «si merita un posto a tavola». «Il progetto del ristorante», spiega, «intende proporre cibi principalmente biologici e locali, cucinati da chef di comprovata esperienza. Sarà uno spazio inclusivo. La sostenibilità economica dell’operazione sarà garantita dalle donazioni e da un consistente apporto volontario sia per il servizio in sala che in cucina. Per informazioni: www.lentilasanthing.com 

Di seguito la gallery fotografica a cura di Andrea Pellegrini:

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome

sette + 17 =