Papa Francesco a piedi per le vie di Roma

Una presenza esemplare – Guardare pensosi il passo, leggermente claudicante, di Papa Francesco mentre attraversa le strade del centro di Roma, con un volto certo non sorridente, all’inizio di una settimana segnata dall’emergenza coronavirus, rimane un momento non facile da dimenticare, di presenza e di fedeltà

543
foto Vatican news

Guardare pensosi il passo, leggermente claudicante, di Papa Francesco mentre, solitario, attraversa le strade del centro di Roma, con un volto certo non sorridente, all’inizio di questa settimana segnata dall’arrivo del coronavirus, rimane un momento non facile da dimenticare, di presenza e di fedeltà. Non lo si cancella facilmente e si rimane presi da quel momento fortemente particolare.

Naturalmente vi è chi è pronto a far scattare ogni genere di critiche e di osservazioni malevole, come se il Santo Padre avesse fatto meglio a starsene chiuso in Santa Marta, dando l’esempio dell’osservanza delle disposizioni promulgate. Certo non vi è stata in lui nessuna intenzione esibizionistica, meno che meno l’intento di mettersi in evidenza, nel bel mezzo di un momento drammatico, e ancora confuso, quando non si sapeva ancora esattamente dove si dovesse andare a parare.

Lo si è più tardi visto in preghiera a Santa Maria Maggiore e a San Marcello al Corso, con il gesto umile e affettuoso dell’apporto dei fiori, che vale sempre come una presenza viva e un omaggio concreto di bellezza. Francesco non si propone come padrone di casa, ma si fa avanti come ospite gentile e gradito. Questi due momenti di intensa preghiera hanno certamente voluto sottolineare l’impegno di una preghiera forte, appassionata.

La situazione era tesa e per chiunque incerta e confusa. Nella preghiera istintivamente cerchiamo maggiore chiarezza e conforto. Nessuno, all’ora attuale, può dire di vedere brillare qualche luce in più. Il comportamento di Papa Francesco rimane istruttivo e indica un modo di fare, un atteggiamento esemplare, che dovrebbe animare tutti a tenere viva la luce dell’analisi e della ricerca, pronti a parare i colpi da qualunque parte vengano. Lucidità e competenza sono le doti più richieste in questo periodo, che vogliamo attraversare con serena fermezza.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome

diciassette + 18 =