Gesti di violenza a Torino, la condanna di Nosiglia

Dichiarazione – L’Arcivescovo mons. Cesare Nosiglia di fronte alla crescita di parole e gesti che richiamano alla violenza a Torino invita “a sostenere quanti operano per il bene comune e si impegnano a far sì che Torino continui ad essere una città concorde e rispettosa delle leggi, dell’accoglienza reciproca e della dignità di ogni cittadino”

191
Mons. Cesare Nosiglia

Pubblichiamo la dichiarazione dell’Arcivescovo di Torino mons. Cesare Nosiglia a proposito della crescita di parole e gesti che richiamano alla violenza nel capoluogo piemontese.

“Crescono nella nostra città le parole e i gesti che inneggiano e richiamano alla violenza, tanto mediatica quanto fisica. Di fronte a questi fatti sento il dovere, come pastore di questa Chiesa, di chiedere al Signore della pace e della fratellanza di sostenere quanti operano per il bene comune e si impegnano a far sì che Torino continui ad essere una città concorde e rispettosa delle leggi, dell’accoglienza reciproca e della dignità di ogni cittadino.

Maria Consolata, patrona della nostra diocesi, ci ispiri propositi e impegni che ci aiutino tutti a perseguire questo obiettivo”.

+ Cesare NOSIGLIA
Arcivescovo

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome

20 − 9 =