La fondazione Donat-Cattin riporta alla luce il settimanale “Sette Giorni”

Ricerca – La biblioteca della Fondazione Carlo Donat-Cattin, che ha sede presso il Polo del ‘900 a Torino, ha realizzato un’attività di studio sul settimanale politico culturale, edito dal 1967 al 1974, “Sette Giorni”

108

Nell’ambito del processo di valorizzazione del suo patrimonio documentale la biblioteca della Fondazione Carlo Donat-Cattin, che ha sede presso il Polo del ‘900 in via del Carmine 14 a Torino, ha realizzato un’attività di ricerca e studio per la valorizzazione del settimanale politico culturale edito tra la fine degli anni sessanta e i primi anni Settanta “Sette Giorni” di cui è in possesso nel suo archivio.

“Settegiorni in Italia e nel mondo” è il titolo della ricerca che si è svolta nel periodo settembre 2018 – giugno 2019. Dal 2010 la Biblioteca della Fondazione Donat-Cattin aderisce al Servizio Bibliotecario Nazionale e dal 2016 opera nel Polo bibliografico della ricerca dell’Università di Torino (codice SBN UTO/D0 – codice Anagrafe Biblioteche TO0843)

La rivista settimanale Settegiorni, fondata da Carlo Donat-Cattin, nasce nel giugno 1967 a Roma e sarà pubblicata in 366 numeri fino al luglio 1974. È stata la rivista che più di ogni altra ha accompagnato una generazione di giovani cattolici lungo quasi un decennio di forti tensioni e cambiamenti.

Intento del progetto è operare lo spoglio catalografico nel Servizio bibliotecario nazionale degli articoli che autori di spicco dell’epoca hanno scritto per la rivista.

Questo progetto inoltre si inserisce nel lavoro culturale e storico della Fondazione, nata per diffondere un filone di pensiero, quello cristiano sociale, che ebbe in Carlo Donat-Cattin un punto di riferimento autorevole e carismatico.

Attraverso la rilettura della storia e dell’esperienza sulle pagine di Settegiorni sarà possibile cogliere le idee per le quali Carlo Donat-Cattin ha sempre lottato, idee che hanno segnato la storia nazionale, con significativi riflessi sul dibattito europeo e sulla contemporaneità e che oggi, libere dai condizionamenti del passato, potrebbero ancora una volta essere principi di ispirazione, trovando nuovo senso e nuovi interpreti.

Analizzare l’attività, le tematiche, l’impegno politico-culturale di Settegiorni  significa anche ripercorrere otto anni di storia politica italiana in un periodo cruciale dell’Italia repubblicana, per farne partecipe la comunità, perché la conoscenza e la memoria storica costituiscono il momento primo di ogni azione di tutela.

La Fondazione Donat-Cattin si inserisce nel fitto tessuto di Istituti culturali presenti sul territorio e con essi collabora nella promozione di eventi volti alla divulgazione e valorizzazione dei propri patrimoni documentali.  È partner del Polo del ‘900, il centro culturale aperto alla cittadinanza e rivolto soprattutto alle giovani generazioni e ai nuovi cittadini. Attualmente i partners sono 19. È membro del CoBis (Coordinamento delle Biblioteche speciali e specialistiche) fin dalla sua costituzione nel 2008, la cui finalità è promuovere una rete tra le differenti realtà documentarie presenti nella provincia di Torino a vantaggio di un migliore servizio per le istituzioni ed il pubblico a livello cittadino, regionale e nazionale. Attualmente aderiscono al CoBiS 62 Biblioteche.

La Fondazione Donat-Cattin intende proseguire e potenziare la sua venticinquennale attività di conservazione, inventariazione, studio e valorizzazione del patrimonio documentale afferente alla cultura politica e sociale piemontese e nazionale di area cristiano-cattolica del Novecento, e alle sue figure più eminenti, in coerenza con il “Programma di attività in materia di promozione dei beni e delle attività culturali 2018-2020” (DGR 23-7009/2018), con specifico riferimento alle raccolte di personalità eminenti, movimenti, sindacati e partiti e con la missione di promuovere e interpretare la memoria con uno sguardo che pur partendo da lontano si è soffermato con lungimiranza sugli anni del Novecento e della contemporaneità e che, partendo dall’ambito regionale, vuole illustrarne i sostanziali riflessi sulla storia nazionale.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome

quattro − 3 =