La rinuncia obbligata del sindaco Appendino

Torino – Chiara Appendino non si presenterà alle elezioni comunali della prossima primavera. La rinuncia alla ricandidatura del Sindaco di Torino era attesa: per la condanna subita in Tribunale e per le trattative dirette fra Zingaretti e Di Maio sulle principali città, che escludono i vecchi Sindaci, dalla Raggi all’Appendino per passare al milanese Sala

120
Chiara Appendino

Chiara Appendino non si presenterà alle elezioni comunali della prossima primavera. La rinuncia alla ricandidatura del Sindaco di Torino era attesa: per la condanna subita in Tribunale e per le trattative dirette fra Zingaretti e Di Maio sulle principali città, che escludono i vecchi Sindaci, dalla Raggi all’Appendino per passare al milanese Sala.

Sul voto della primavera 2021 è in gioco la vita del Governo ed i leaders nazionali non intendono rinunciare al loro ruolo di guida (mettendoci la faccia); analogamente si muove il centro-destra con i vertici Salvini – Meloni – Berlusconi.

La Sindaca di Torino, cui occorre riconoscere grande impegno e dedizione, ha pagato anzitutto la crisi dei grillini sui principali temi, dalla linea 2 della metropolitana alla Tav, dalla questione (molto oscura) della decrescita felice all’economia verde (su cui sono stati compiuti passi avanti); ma il vero nodo aperto è quello dei rapporti con Fiat-Fca perché il declino dell’occupazione nell’area torinese in questi anni è continuato senza sosta, nonostante la vettura elettrica. Mirafiori e Grugliasco hanno numeri molto piccoli.

Nelle ultime sedute del Consiglio comunale la Sindaca è stata costretta a rincorrere singoli consiglieri dell’opposizione per coprire le assenze dei suoi. Una umiliazione che Torino e la stessa Sindaca non meritavano.

Oggi, nella ripresa del Covid-19, è bene rinviare confronti conclusivi su Palazzo Civico al nuovo anno, concentrando tutte le risorse pubbliche e private nella grande battaglia della sanità. Ma una lezione emerge sin d’ora: non è sufficiente il sindaco-manager, la persona sola al comando; è essenziale la solidità della maggioranza politica, l’esperienza e, soprattutto, la qualità del programma di lavoro. Al primo posto, come richiama spesso l’Arcivescovo, dovrà esserci l’occupazione, oltre alla sanità; ma sarebbe opportuno dare adeguato rilievo anche ai temi etici, dall’accoglienza alla vita, alla famiglia… Infine, viste le crescenti esigenze finanziarie, è indispensabile un proficuo rapporto con le istituzioni nazionali, anche in vista dei miliardi del recovery-fund.

Occorre inoltre un sindaco che sia espressione dell’intera comunità, laica e cattolica.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome

diciassette + 9 =