Mons. Nosiglia ai funerali di Beauty, il valore di ogni uomo

La celebrazione al Santuario della Consolata – La solidarietà e la vicinanza della città al marito della donna respinta alla frontiera francese e morta dopo il parto

1069

Dolore e speranza. Preghiera e richiamo alle responsabilità e ai diritti. Dal Santuario della Consolata, sabato mattina, la celebrazione, presieduta dall’Arcivescovo di Torino mons. Nosiglia, dei funerali di Beauty la donna nigeriana respinta alla frontiera francese lo scorso febbraio e morta a seguito di un linfoma dopo aver dato alla luce Israel, è stato un forte momento di riflessione e monito alla città.

Un invito alla società a considerare come ha sottolineato mons. Nosiglia  “che al cuore di tutto il grande tema dell’accoglienza dei rifugiati e dei migranti c’è il valore umano e sociale di ogni persona nei suoi diritti fondamentali e universali che vanno promossi, salvaguardati  prima di ogni altro pure importante fattore che è quello delle norme e dei divieti”. Parole volte a promuovere l’accoglienza ma anche a valorizzare quello spirito di solidarietà e fraternità che il dramma di Beauty  e del marito Destiny hanno innescato.

“La gara di prossimità e di affetto e anche di disponibilità concrete a rispondere alle necessità di Beauty e di Destiny e del loro bambino” ha ricordato mons. Nosiglia, “da parte delle Istituzioni, del Sant’Anna, della Diocesi, dell’Opera Barolo e di diverse realtà civili e religiose, di semplici cittadini e fedeli che hanno circondato questa famiglia, mi conforta: sono orgoglioso di Torino e della sua gente, perché hanno dimostrato quanto siano importanti e concrete l’umanità e la solidarietà civile, religiosa e sociale che li animano. Mentre preghiamo per Beauty, perché il Signore l’accolga nel suo Regno di pace e di vita per sempre, chiediamo che il suo bambino Israel possa riconoscere un giorno quale sacrificio ha compiuto sua madre, per assicurargli comunque la vita. E che il piccolo e suo padre possano essere accolti come fratelli e come cittadini nella nostra comunità e abbiano tutto il sostegno necessario alla loro vita e al loro futuro”.

Un futuro che per molti migranti e segnato da sofferenze, allontanamenti, ostacoli burocratici e anche su questo il dramma di Beauty rappresenta un elemento di riflessione.

“La mancanza di una politica europea che assicuri una stretta collaborazione fra le nazioni confinanti, e scelte conseguenti, per l’accoglienza e la libera circolazione degli immigrati e dei rifugiati rende ancora più dolorosa la loro sorte” ha ancora sottolineato mons. Nosiglia nell’omelia.

Alla celebrazione Sergio Durando direttore della Pastorale Migranti con i tanti collaboratori, l’assessore alle politiche sociali del comune di Torino Sonia Schellino e l’assessore regionale all’immigrazione Monica Cerutti, la  comunità africana anglofona, i volontari di varie associazioni che aiutano i migranti, membri dell’Opera Barolo e tanta gente che ha voluto unirsi alla preghiera per la donna che come ha ricordato ancora mons. Nosiglia “ha sacrificato se stessa per donare la vita al suo bambino e questo è il sacrificio più grande che prova il suo amore: dice infatti il Signore che non c’è maggior amore di quello di chi dà la vita per il suo prossimo”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome

16 − 1 =