Nosiglia, “la politica non penalizzi il volontariato”

Giornata mondiale della Pace – Nella Messa di Mezzanotte il 1 gennaio in Cattedrale l’Arcivescovo ha rivolto un forte appello alle istituzioni a non penalizzare il volontariato, “investimento sociale indispensabile per la sopravvivenza dignitosa di milioni di poveri”

337
Mons. Cesare Nosiglia

La buona politica è al servizio della pace: è
questo il tema scelto dal Papa per la Giornata mondiale della pace che
oggi celebriamo. Si tratta di un tema attualissimo e ricco di
conseguenze decisive per la vita di ciascun uomo sulla terra e di ogni
società che voglia costruire la pace al suo interno e nel mondo. Noi
sappiamo e crediamo, come ci attesta anche la Parola di Dio di questa
Santa Messa, che la pace è dono di Dio e la politica è chiamata ad
assumerne il compito storico nel nostro tempo quale atto di  autentica
giustizia e carità verso la popolazione.

“Il Signore rivolga su di te il suo volto e ti conceda pace”: la
benedizione di Aronne pone in evidenza questa verità. Cristo è la
nostra pace, perché egli è il salvatore del mondo, per cui ogni
persona, ogni famiglia, ogni popolo può trovare in lui la sponda
sicura e la forza per vincere il male, la violenza, l’ingiustizia ed
ogni guerra causata dal peccato, che alberga nel cuore stesso
dell’uomo e nelle strutture e realtà di male che generano violenza,
discriminazioni e falsi miti ideologici e politici.

Se questo è un principio certo per i credenti, esiste già nella stessa
natura propria dell’uomo, nella sua coscienza, una grammatica di pace
che emerge con evidenza nel cuore di ogni persona. E’ scritto nel dna
di ogni persona, che nasce su questa terra, un insieme di regole  che
svelano a tutti a poco a poco quel sapiente progetto divino, che
permette di stabilire rapporti reciproci improntati al rispetto, alla
giustizia, alla solidarietà tra credenti e non, tra religioni ed etnie
diverse, tra popoli e nazioni, tra culture e tradizioni differenti.

E’ partendo da queste premesse che il Papa affronta una serie concreta
di argomenti sul tema del rapporto politica e pace. Anzitutto egli
ricorda il detto di Gesù: “in qualunque casa entriate prima dite: pace
a questa casa. “La casa a cui parla è ogni famiglia, ogni comunità,
ogni Paese, ogni continente, nella loro singolarità e nella loro
storia: è prima di tutto ogni persona senza distinzioni e
discriminazioni. E’ anche la nostra casa  comune: il pianeta in cui
Dio ci ha posto ad abitare e del quale siamo chiamati a prenderci cura
con sollecitudine”.

Credo che su questi temi si giocherà il domani della nostra società e
per questo occorra una attenzione particolarmente viva e continuata
alle posizioni politiche e culturali reclamizzate in maniera
assordante dai mass-media. La testimonianza dei cristiani sarà fonte
di pace, se, con coraggio ed impegno, essi non scenderanno a
compromessi su questo piano, ma serenamente e con  rispetto del
pluralismo proporranno coerentemente la loro visione di persona, e di
pace nelle varie sedi politiche, culturali, sociali, informative in
cui questi problemi si dibattono  e si decidono.

Abbiamo bisogno di sperare e credere nella buona volontà di tutti,
credenti e non, perché la ragione e la fede possano collaborare a
trovare vie giuste e pacifiche, mettendo sempre al centro la
promozione di un umanesimo integrale,  che trova in Cristo, Uomo
perfetto e Figlio di Dio, il suo soggetto portante di riferimento
pieno e riuscito. Chi lo segue, infatti, si fa lui pure più uomo e chi
lo accoglie diventa operatore di una pace stabile e duratura. Ma qui
nasce una domanda fondamentale, che riguarda l’anno che, da poche ore,
abbiamo iniziato:quale orientamento dare ad un domani che sembra
incerto, nebuloso e sempre proteso ad un rapido e tumultuoso
cambiamento culturale e sociale, che impedisce di fermarsi a
riflettere e a decidere con ponderatezza su scelte che investono
problemi  di giustizia e di accoglienza  che segnano oggi la vita di
tante persone, famiglie e popoli interi?  Si può ancora scommettere
sulla forza del bene che vince il male, su un progetto di società
assicurato da una giusta e pacifica solidarietà tra  tutte le persone
pure differenti tra loro ma parte della stessa umanità? La diffusa
insicurezza e paura  dell’altro, tarpano le ali dell’amore e rendono
indifferenti verso tutti,poco inclini a credere  e a sperare in un
mondo dove dominano i ponti e non i muri .

C’è dunque bisogno di un supplemento di fede, che  indichi la luce
per camminare sereni, pur in mezzo alla complessità della cultura
dominante e del vissuto di ogni giorno, e dia forza per proporre, nel
cambiamento in atto, quei valori sicuri e condivisi, che rispondono
alla dignità di ogni uomo e sono stati immessi da Dio nella sua stessa
natura. C’è estrema necessità di cristiani convinti missionari e
testimoni di colui che è la nostra Pace e la speranza del mondo:
Cristo Signore!

Un altro aspetto decisivo del rapporto politica e pace  è quando il
Papa parla del bene comune  fonte prima di pace. Chi si occupa di
questo giorno per giorno come avviene in tanti che con spirito di
gratuità e umanità si dedicano al servizio dei poveri e sofferenti,
degli ultimi e scartati dalla società va  dunque sostenuto e
apprezzato perché è fonte di pace e di giustizia  ben superiore ad
ogni altra pure importante azione politica. Il  sostegno e la
valorizzazione  del volontariato  che attua il principio
costituzionale di sussidiarietà nel nostro Paese, è un dovere  da
parte della politica, per cui  appare veramente paradossale  il fatto
di penalizzarlo  come se fosse fonte di profitto quando invece è un
investimento sociale di persone e di mezzi  indispensabili per la
stessa sopravvivenza dignitosa  di milioni di poveri  basato sul dono
di sé e la solidarietà.

E’ un  programma nel quale possono e  debbono ritrovarsi uniti tutti i
politici di qualunque cultura, partito o religione che insieme
desiderano operare per il bene della intera famiglia umana praticando
quelle virtù  che soggiacciono al buon agire politico: la giustizia,il
rispetto reciproco, la sincerità e onestà, la coerenza morale. E’ una
eredità preziosa che ci hanno lasciato a Torino i nostri Santi sociali
di cui siamo orgogliosi e che fanno della città un modello  e punto di
riferimento che non possiamo abbandonare senza tradire la sua stessa
identità e sminuire quel valore riconosciuto di città della
Provvidenza dove nessuno si sente escluso e abbandonato a se stesso ma
amato me cercato come uno di famiglia.
E’ questo l’augurio che rivolgo a me e a voi affinché l’anno nuovo
rinsaldi, nelle coscienze e nella scelte anche politiche di ogni
fedele e cittadino del nostro Paese l’apertura del proprio cuore
anzitutto e del proprio impegno concreto  di accoglienza e di servizio
verso chi è nel bisogno. Niente deve prevalere su questa scelta che è
di per se stessa  un atto politico, che  rende tutti protagonisti di
una stagione di rinnovato impegno sociale e morale.
Maria Santissima, di cui oggi celebriamo la divina maternità, ci guidi
a trovare le vie più efficaci per raggiungere questo obiettivo,
donandoci il coraggio di proporle con coerenza e fedeltà, anzitutto
alle nostre comunità cristiane. testimoni così del Vangelo di Cristo
Principe della Pace.

+Cesare Nosiglia
Arcivescovo di Torino

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome

1 × 1 =