Papa Francesco: a casa con il Vangelo e il crocifisso

Vaticano – Senza la possibilità, se non attraverso i mass media, di partecipare ai riti della Settimana Santa, Papa Francesco nella tradizionale Udienza del mercoledì, l’8 aprile, ha suggerito come prepararsi alla Pasqua tra le mura di casa

219
Papa Francesco - foto Sir

Anzitutto un monito, a non considerare questo tempo di pandemia, un tempo in cui Dio sia assente.
Così Papa Francesco ha aperto la tradizionale catechesi del mercoledì, incoraggiando a ricondurre gli interrogativi sul mistero della morte e della sofferenza a quanto Gesù ha vissute nella sua Passione

“Anche lì”, ha spiegato, “si addensano tanti interrogativi. La gente, dopo aver accolto Gesù trionfalmente a Gerusalemme, si domandava se avrebbe finalmente liberato il popolo dai suoi nemici (cfr Lc 24,21). Si aspettavano, loro, un Messia potente, trionfante, con la spada. Invece ne arriva uno mite e umile di cuore, che chiama alla conversione e alla misericordia. Ed è proprio la folla, che prima l’aveva osannato, a gridare: «Sia crocifisso!» (Mt 27,23). Quelli che lo seguivano, confusi e spaventati, lo abbandonano. Pensavano: se la sorte di Gesù è questa, il Messia non è Lui, perché Dio è forte, Dio è invincibile. Ma, se andiamo avanti a leggere il racconto della Passione, troviamo un fatto sorprendente. Quando Gesù muore, il centurione romano che non era credente, non era ebreo ma era un pagano, che lo aveva visto soffrire in croce e lo aveva sentito perdonare tutti, che aveva toccato con mano il suo amore senza misura, confessa: «Davvero quest’uomo era Figlio di Dio» (Mc 15,39). Dice proprio il contrario degli altri. Dice che lì c’è Dio, che è Dio davvero”.

Ecco dunque l’importanza ribadita da Papa Francesco di riflettere sull’immagine che abbiamo di Dio e in particolare a vivere i giorni del triduo guardando al Crocifisso e “usando” il Vangelo.

“Sulla croce. Lì impariamo i tratti del volto di Dio. Non dimentichiamo, fratelli e sorelle, che la croce è la cattedra di Dio. Ci farà bene stare a guardare il Crocifisso in silenzio e vedere chi è il nostro Signore: è Colui che non punta il dito contro qualcuno, neppure contro coloro che lo stanno crocifiggendo, ma spalanca le braccia a tutti; che non ci schiaccia con la sua gloria, ma si lascia spogliare per noi; che non ci ama a parole, ma ci dà la vita in silenzio; che non ci costringe, ma ci libera; che non ci tratta da estranei, ma prende su di sé il nostro male, prende su di sé i nostri peccati. E questo, per liberarci dai pregiudizi su Dio, guardiamo il Crocifisso. E poi apriamo il Vangelo. In questi giorni, tutti in quarantena e a casa, chiusi, prendiamo queste due cose in mano: il Crocifisso, guardiamolo; e apriamo il Vangelo. Questa sarà per noi – diciamo così – come una grande liturgia domestica, perché in questi giorni non possiamo andare in chiesa. Crocifisso e Vangelo!”

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome

19 − 14 =