Papa Francesco, “Dio bussa al cuore dell’uomo”

Vaticano – Il 13 maggio Papa Francesco ha dedicato la tradizionale catechesi del mercoledì alla preghiera e, nei saluti, ha ricordato san Giovanni Paolo II di cui lunedì 18 ricorreranno i 100 anni dalla nascita

118
Papa Francesco, foto Sir

Alla vigilia della Giornata di digiuno e preghiera per l’umanità colpita dalla pandemia, promossa il 14 maggio dall’Alto Comitato per la Fratellanza umana, il Papa nella tradizionale catechesi del mercoledì ha richiama il valore della preghiera: “La preghiera è uno slancio, è un’invocazione che va oltre noi stessi”, ha spiegato,  “qualcosa che nasce nell’intimo della nostra persona e si protende, perché avverte la nostalgia di un incontro. Quella nostalgia che è più di un bisogno, più di una necessità: è una strada. La preghiera è la voce di un “io” che brancola, che procede a tentoni, in cerca di un “Tu”. L’incontro tra l’“io” e il “Tu” non si può fare con le calcolatrici: è un incontro umano e tante volte si procede a tentoni per trovare il “Tu” che il mio “io” sta cercando”.

“Dio è alleato fedele”, ha prosaguito, “se gli uomini smettono di amare, Lui però continua a voler bene, anche se l’amore lo conduce al Calvario. Dio è sempre vicino alla porta del nostro cuore e aspetta che gli apriamo. E alle volte bussa al cuore ma non è invadente: aspetta. La pazienza di Dio con noi è la pazienza di un papà, di uno che ci ama tanto. Direi, è la pazienza insieme di un papà e di una mamma. Sempre vicino al nostro cuore, e quando bussa lo fa con tenerezza e con tanto amore. Proviamo tutti a pregare così, entrando nel mistero dell’Alleanza. A metterci nella preghiera tra le braccia misericordiose di Dio, a sentirci avvolti da quel mistero di felicità che è la vita trinitaria, a sentirci come degli invitati che non meritavano tanto onore. E a ripetere a Dio, nello stupore della preghiera: possibile che Tu conosci solo amore? Lui non conosce l’odio. Lui è odiato, ma non conosce l’odio. Conosce solo amore. Questo è il Dio al quale preghiamo. Questo è il nucleo incandescente di ogni preghiera cristiana. Il Dio di amore, il nostro Padre che ci aspetta e ci accompagna”.

Nel giorno della Madonna di Fatima Papa Francesco ha anche voluto ricordare, salutando i Polacchi, San Giovanni Paolo II

“Oggi celebriamo la memoria liturgica della Madonna di Fatima”, ha ricordato, “Torniamo col pensiero alle sue apparizioni e al suo messaggio trasmesso al mondo, come anche all’attentato a san Giovanni Paolo II, che nella salvezza della sua vita vedeva l’intervento materno della Vergine Santa. Nella nostra preghiera domandiamo a Dio, per intercessione del Cuore Immacolata di Maria, la pace per il mondo, la fine della pandemia, lo spirito di penitenza e la nostra conversione. Lunedì prossimo sarà il centesimo della nascita di San Giovanni Paolo II: io celebrerò la Messa alle 7, davanti all’altare della tomba, e sarà trasmessa in mondovisione per tutti. Ringraziamo Dio di averci dato questo Vescovo a Roma, Santo Vescovo, e chiediamo a lui che ci aiuti: che aiuti questa Chiesa di Roma a convertirsi e ad andare avanti. Di cuore vi benedico”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome

tre × uno =