Il Papa scrive ai giovani: “non rinunciate ai sogni”

«Christus vivit» – È stata resa nota il 2 aprile l’esortazione apostolica post sinodale, indirizzata ai giovani sotto forma di «Lettera», firmata dal Papa il 25 marzo a Loreto: 9 capitoli e 299 paragrafi propongono di dare spazio ad una «pastorale giovanile popolare» senza tanti ostacoli, norme e inquadramenti

289

Papa Francesco ai giovani: «Dio vi ama e la Chiesa ha bisogno di voi». «Christus vivit, Cristo vive», l’esortazione apostolica post sinodale, indirizzata «ai giovani e al popolo di Dio» sotto forma di «Lettera», è stata firmata dal Pontefice il 25 marzo 2019 nella Santa Casa di Loreto ed è stata resa nota il 2 aprile: 9 capitoli e 299 paragrafi propongono di dare spazio a una «pastorale giovanile popolare» senza tanti ostacoli, norme, controlli e inquadramenti per quei giovani credenti «che sono capi naturali».

Chiesa fastidiosa e perfino irritante – Spesso i giovani sentono la Chiesa «come fastidiosa e perfino irritante». Atteggiamento che affonda le radici «in ragioni serie e rispettabili: gli scandali sessuali ed economici; l’impreparazione dei ministri che non sanno intercettare la sensibilità dei giovani; il ruolo passivo assegnato ai giovani nella comunità cristiana; la fatica della Chiesa di rendere ragione delle proprie posizioni dottrinali ed etiche di fronte alla società». I giovani «chiedono una Chiesa che ascolti di più, che non stia continuamente a condannare il mondo. Non vogliono vedere una Chiesa silenziosa e timida, ma nemmeno sempre in guerra per due o tre temi che la ossessionano. Per essere credibile agli occhi dei giovani, ha bisogno di recuperare l’umiltà, ascoltare, riconoscere in ciò che altri dicono una luce che la può aiutare a scoprire meglio il Vangelo».

Ascoltare i giovani, non fornire ricette pronte – Un’osservazione fulminante alla Bergoglio: «Noi adulti corriamo il rischio di fare una lista di disastri e di difetti della gioventù. Il risultato è una distanza sempre maggiore». Il padre, pastore e guida dei giovani deve «individuare percorsi dove altri vedono solo muri, riconoscere possibilità dove altri vedono solo pericoli. Così è lo sguardo di Dio Padre, capace di valorizzare e alimentare i germi di bene seminati nel cuore dei giovani». Francesco si sofferma sull’«ambiente digitale che crea un nuovo modo di comunicare» e che può facilitare la circolazione delle informazioni. Internet e i social media sono «un luogo irrinunciabile per raggiungere e coinvolgere i giovani, ma anche un territorio di solitudine, manipolazione, sfruttamento, violenza, dipendenza, isolamento, perdita di contatto con la realtà, cyberbullismo, diffusione della pornografia, sfruttamento delle persone a scopo sessuale o tramite il gioco d’azzardo».

Migranti come paradigma del nostro tempo – La preoccupazione della Chiesa riguarda «coloro che fuggono dalla guerra, dalla violenza, dalla persecuzione politica o religiosa, dai disastri naturali dovuti anche ai cambiamenti climatici e dalla povertà estrema». Molti sono attirati dalla cultura occidentale, nutrono aspettative irrealistiche che li espongono a pesanti delusioni. «Trafficanti senza scrupoli, legati ai cartelli della droga e delle armi, sfruttano la debolezza dei migranti. In alcuni Paesi i fenomeni migratori suscitano allarme e paure, fomentate e sfruttate a fini politici. Si diffonde la mentalità xenofoba, di chiusura e ripiegamento a cui occorre reagire con decisione». La pastorale giovanile deve essere capace di dar forma a un «camminare insieme» e comporta due grandi linee di azione: la ricerca e la crescita. Francesco confida nella capacità di «trovare vie attraenti per invitare, stimolare e dare ai giovani libertà di azione» e di privilegiare «il linguaggio della vicinanza e dell’amore disinteressato che tocca il cuore». Serve «una pastorale giovanile popolare, ampia e flessibile che stimoli, nei diversi luoghi in cui si muovono i giovani, quelle guide naturali e quei carismi che lo Spirito ha seminato tra loro. Si tratta di non porre tanti ostacoli, norme, controlli e inquadramenti obbligatori a quei giovani credenti che sono capi naturali nei quartieri e nei diversi ambienti».

«La sessualità è un dono, dunque niente tabù» – «I giovani sentono fortemente la chiamata all’amore e sognano di incontrare la persona giusta con cui formare una famiglia: il Sacramento del matrimonio avvolge questo amore con la grazia di Dio, lo radica in Dio stesso». Dio ci ha creati sessuati «la sessualità è un suo dono e, dunque, niente tabù. Un dono che ha due scopi: amarsi e generare vita. È una passione: il vero amore è appassionato». Infine la disoccupazione giovanile,  come forma di esclusione e di emarginazione, «è una questione che la politica deve considerare come prioritaria, in particolare oggi che gli sviluppi tecnologici e l’ossessione per la riduzione del costo del lavoro portano a sostituire innumerevoli posti di lavoro con macchinari». Ai giovani Francesco dice: «È vero che non puoi vivere senza lavorare e che a volte devi accettare quello che trovi, ma non rinunciare mai ai tuoi sogni, non seppellire mai una vocazione, non darti mai per vinto».

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome

dodici − 11 =