Un vademecum per far ripartire gli Oratori

Verso l’apertura dei Centri estivi – Prosegue il confronto tra istituzioni, diocesi e parrocchie per avviare le attività estive nel rispetto dei protocolli imposti dall’emergenza sanitaria

701

Mercoledì 3 giugno l’Arcivescovo mons. Nosiglia e don Luca Ramello hanno tenuto con il clero diocesano una riunione on line in cui è stata presentata la delibera del 30 maggio e si sono affrontate le varie problematiche in gioco Un’occasione per fare emergere questioni e chiarire i primi dubbi che la delibera dipana. Un momento per raccogliere ulteriori indicazioni utili per il protocollo definitivo.

Sul prossimo numero de La Voce e il Tempo un resoconto del confronto e gli ulteriori aggiornamenti.

La «fase 2» rispetto alle misure di prevenzione dalla pandemia del Covid-19 è segnata dalla parziale e graduale ripresa della socialità. In questo orizzonte, venerdì 30 maggio u.s. la Giunta Regionale ha approvato la delibera (resa pubblica il giorno dopo) che disciplina «la programmazione e la gestione in sicurezza delle attività de centri estivi per bambini e adolescenti nella fase 2 dell’emergenza covid-19», tra cui quelle degli Oratori (scaricabile anche dai siti diocesani). È quindi il testo normativo di riferimento per le attività estive dei nostri Oratori. Restano invece aperte alcune grandi questioni: l’apertura ordinaria degli Oratori per la preparazione delle attività estive, le responsabilità e le assicurazioni, l’avvio dei campi estivi. Su questi aspetti confidiamo di poter avere indicazioni chiare nel più breve tempo possibile.

L’Arcivescovo, il Consiglio Episcopale, il Consiglio Presbiterale e la Consulta Diocesana di Pastorale Giovanile stanno lavorando su questi temi, con il Tavolo Oratori Piemontesi, in stretto contatto con le Istituzioni.

Nei prossimi giorni dovrebbe anche uscire la modulistica della nuova SCIA, la Segnalazione Certificata di Inizio Attività, cioè la dichiarazione che consentirà di iniziare le attività estive. Le tempistiche non sono ancora note, ma possiamo ragionevolmente immaginare che tra la seconda e la terza settimana di giugno gli Oratori  possano essere messi in grado di compilarla e trasmetterla al Comune in cui ha sede il servizio e all’Azienda Sanitaria locale, competente per territorio. Nell’urgente compito di chiarire, approfondire e integrare la DGR è doveroso sottolineare la grande disponibilità dell’Assessore alle Politiche della Famiglia, dei Bambini e della Casa, Sociale e delle Pari Opportunità, Chiara Caucino, con la quale è nato e si va sempre più consolidando un sincero e schietto rapporto di confronto, di collaborazione e di sinergia.

In contemporanea, mentre si lavora sul fronte della sicurezza, non va trascurata, nei nostri oratori e nelle nostre comunità, l’altra faccia della nostra responsabilità: lo specifico dei nostri oratori resta l’educazione alla luce del Vangelo, resa ancora più urgente per quanto accaduto negli n ultimi tre mesi. La sicurezza nella pandemia, la socialità dopo il lockdown e l’evangelizzazione delle giovani generazioni sono gli aspetti indisgiungibili della responsabilità a cui, oggi più che mai, sono chiamati i nostri oratori.

Per onorare questa responsabilità occorrerà far riferimento a tre criteri pastorali di fondo per le attività degli Oratori dei prossimi mesi: la modularità, la gradualità e la differenziazione.

La capienze in relazione agli spazi, le norme di prevenzione e le forze educative condizionano in modo vincolante la scelte sulle ripartenze dei singoli oratori: circa le diverse fasce di età, gli orari (mezza giornata, giornata intera ecc…), i servizi connessi (pranzi, gite, ecc…) occorrerà agire con varietà di proposte, distinte e proporzionate alle reali possibilità di ogni Oratorio.

La gradualità rappresenta poi un secondo criterio di discernimento: non sono la presentazione della SCIA e dei locali ma, ancor prima, anche la preparazione degli educatori e delle attività, delle procedure di prevenzione e di sicurezza, richiedono un tempo adeguato, che determinerà un’apertura graduale degli Oratori (giugno, luglio, agosto), variabile rispetto ad ogni contesto sociale e pastorale.

Infine non dobbiamo dimenticare la necessaria differenziazione circa le effettive riaperture dei singoli Oratori in estate o il loro posticipo in autunno. Per le ragioni espresse sopra e per tutte le riflessioni maturate in queste settimane, ogni comunità educante dovrà esercitare un autentico discernimento nello Spirito per contemperare slancio evangelizzatore e forze educative, intenzionalità popolare e vincoli strutturali, impegno della famiglie e sinergie con le Istituzioni locali.

L’Ufficio di Pastorale Giovanile e la NOI TORINO continueranno ad essere disponibili per ogni necessità, impegnandosi a predisporre, dalla prossima settimana, proposte di formazione online, sul campo della normativa Covid-19, delle relazioni educative e delle attività pastorali.

Un vademecum per la riapertura sarà infine consegnato ad ogni Oratorio. Si sta davvero facendo tutto il possibile per sostenere gli Oratori: in un momento difficile – come quello che stiamo attraversando – è più che mai necessario percepire la forza e l‘unità (pur diversificata!) della nostra Chiesa diocesana.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome

4 × 4 =